Archivio dei tag GARGANO

Rocco Cozzola non c’è più: era il più anziano costruttore di chitarre battenti del Gargano

Lascia un grande vuoto nella musica popolare del Gargano

Ci ha lasciati all’età di 87 anni: era il più anziano costruttore di chitarre battenti del Gargano. Erede storico del papà Francesco Paolo, detto “Fascianédde”, catarraro storico carpinese, che a sua volta aveva imparato il mestiere da Domenico D’Addetta, da tutti conosciuto come “Spulepettone”. E dal papà, Rocco aveva fatto sua anche la tecnica esecutiva e l’accompagnamento dei canti. Il suo sguardo, i suoi occhi hanno accompagnato la vita del nostro gruppo negli ultimi decenni.
La sua liuteria di Carpino era meta di appassionati e amici. “In tanti vengono nella mia bottega per imparare come costruire una chitarra battente – diceva alla “Gazzetta del Mezzogiorno” anni fa in una intervista rilasciata al nostro Antonio D’Amico a margine di una mostra svoltasi a Foggia – ma nessuno vuole fare sacrifici e imparare. Vogliono guadagnare facile, con questo lavoro non si può”.

Renato Marengo

Renato Marengo è il produttore dei Cantori di Carpino

Renato Marengo

Renato Marengo

Una marcia in più per la promozione della musica popolare del Gargano. Tanti progetti di ricerca e promozione che saranno presto avviati 

Renato Marengo è il produttore dei “Cantori di Carpino”. Da oggi il noto giornalista e critico musicale lega il suo nome al gruppo leader della musica popolare del Gargano. Un matrimonio che porterà sinergie importanti e allargherà ancora più gli orizzonti artistici e nel campo della ricerca. L’intesa è stata raggiunta dopo un breve “feeling” tra Marengo e Cantori di Carpino, scoppiato questa estate durante il tour della Rassegna “Terra Battente” di Ferrovie del Gargano, di cui Marengo è direttore artistico, e suggellato nelle ultime ore.

Marengo vanta una lunga attività nella produzione musicale avendo già ricoperto questo incarico con Eugenio Bennato, la Nuova Compagnia di Canto Popolare e Teresa De Sio. «Un compito importante ma anche un onore senza eguali – commenta il neo produttore dei Cantori -. Questo gruppo rappresenta la più genuina delle tradizioni della musica popolare garganica e, negli anni, non ha subito alcun tipo di contaminazione esterna ed interna. Li ho ascoltati in più occasioni lasciandomi suggestionare dalla loro arte, dal loro modo di presentarsi al pubblico. L’entusiasmo con cui i giovani e non danzano le serenate dei “Cantori” non ha eguali. I loro concerti sono l’esempio lampante di come la tradizione sia capace di catalizzare l’attenzione delle nuove generazioni». Quali progetti nel cassetto? «Innanzitutto una sempre più diffusa collocazione del loro straordinario progetto musicale. Poi troveremo soluzioni per rinfocolare la ricerca, più che mai convinti che Nicola Gentile e i suoi musicisti-cantanti siano capaci di regalarci altre sorprese. Continueremo a lavorare ancora più sull’immagine e il marketing del gruppo, sfruttando il già interessante lavoro svolto sul campo dalla CdP Service, l’agenzia che già cura questo settore. Infine, valuteremo proposte che ci pervengono dall’esterno per dare vita un progetto di brand territoriale della musica popolare del Gargano. Insomma, ai Cantori di Carpino spetterà il compito di fare da apripista per un movimento che può fare tanta strada anche perché come gruppo sono presenti nelle maggiori classifiche di world music internazionale. Percorso avviato dagli studi sul territorio da ricercatori dal calibro di Alan Lomax, Diego Carpitella, Roberto Leydi, Roberto De Simone ed Eugenio Bennato. Senza dimenticare anche l’apporto fornito dalla presenza al proprio interno di un liutaio-musicista, Antonio Rignanese, costruttore di chitarre battenti e punto di riferimento per tanti giovani».

C’è un altro legame tra Marengo e il Gargano. Suo figlio Davide, è stato il regista di “Craj” (2005), film documentario sulla musica popolare pugliese, tratto dall’omonimo spettacolo ideato e scritto da Teresa De Sio e Giovanni Lindo Ferretti (ne sono stati anche gli attori protagonisti) in cui si parla dei Cantori di Carpino e di Matteo Salvatore, il cantastorie di Apricena.

Che si possa fare tanta strada ne sono consapevoli anche i Cantori di Carpino. «Senza tralasciare la nostra tradizione, che resta immacolata – commenta Nicola Gentile, leader del gruppo -, siamo comunque consapevoli che sta, per partire, un importante percorso di valorizzazione del nostro prodotto culturale. La managerialità di Renato Marengo è risaputa e ora è a disposizione dei Cantori. E’ un momento di straordinaria vitalità che permetterà ancora più alla nostra musica di essere conosciuta e apprezzata con progetti che ci vedranno coinvolti con altri importanti gruppi di musica popolare».

Anche l’Associazione “Cantori di Carpino” registra novità. «E’ l’unica detentrice del testamento e del patrimonio culturale dei tre maestri Andrea Sacco, Antonio Piccininno e Antonio Maccarone – aggiunge Gentile –: ora si arricchisce di nuove figure che metteranno a nostra disposizione la loro professionalità. Da anni, la nostra Associazione vanta un presidente onorario dal calibro di Eugenio Bennato, ora potrà contare su due soci onorari dal valore di Renato Marengo e Antonio D’Amico, giornalista ricercatore di musica popolare, che da tempo ha legato il suo nome al nostro Gruppo come consulente dell’immagine e della comunicazione. Che dire… La nostra squadra ora è sempre più ricca. Non ci resta che lavorare…».

RENATO MARENGO
E’ stato coordinatore del settimanale “Ciao 2001” e dei mensili Music, Blu e Bluejazz. Ha diretto “TV Giovani” e Attuale. Ha collaborato con le maggiori testate quotidiane e settimanali nazionali tra cui TV Sorrisi e Canzoni, Radiocorriere TV, Telepiù, Tutto, Popular Photography, Billboard Italiano, Intrepido, Il Monello, Stereoplay, Rockstar, il Secolo XIX, l’Unità, Paese Sera, Magazine e Telesette. Dal 2012 è direttore responsabile del mensile Cinecorriere e Cinecorriere.it, storico periodico dedicato al cinema italiano. Dal 2014 cura la rubrica “La musica invisibile” sull’edizione italiana del mensile Classic Rock Lifestyle. E’ stato ideatore e promotore negli anni ’70 del movimento musicale chiamato Napule’s Power che ha aggregato artisti da lui prodotti per le maggiori major italiani. Ha prodotto Nuova Compagnia di Canto Popolare, Tony Esposito, Edoardo Bennato, Musicanova di Eugenio Bennato, Teresa De Sio, Roberto Ciotti, Roberto De Simone, Concetta Barra, Patrizia Lopez, Mario Schiano, Antonio Infantino, Opus Avantra, Luciano Cilio e Donella Del Monaco

I Cantori di Carpino a Biccari per la Festa Nazionale dei Borghi Autentici d’Italia

Ci saranno anche i Cantori di Carpino alla Festa Nazionale dei Borghi Autentici d’Italia che si terrà a Biccari (Fg) dal 15 al 18 giugno. Una quattro giorni di incontri, dibattiti, eventi culturali e musica, con un focus particolare sullo sviluppo locale e il turismo nelle aree interne, per celebrare l’anno dei borghi indetto dal Mibact.
I Cantori di Carpino si esibiranno venerdì 16 giugno alle ore 21 in piazza Matteotti. Un’occasione di prestigio per il gruppo, pietra miliare della cultura popolare del Gargano, che ha permesso al grande pubblico di conoscere e apprezzare il valore e l’intensità artistica della “tarantella carpinese”. L’Associazione Borghi Autentici d’Italia riunisce in tutta Italia circa 250 territori e comunità, borghi intenti a migliorare costantemente la qualità di vita della popolazione locale, l’ambiente, il paesaggio e impegnati ad innescare processi e progetti per mantenere vivo e attivo l’interesse verso questa piccola-grande Italia. Borghi, che nell’Anno a loro dedicato, trovano maggiore riconoscimento, del proprio contributo, nel preservare l’autenticità, la cultura, l’identità locale e nel presidiare un vasto territorio fatto di ambienti e paesaggi, agricoltura, centri storici, arte, comunità locali.

Numerosi gli appuntamenti in programma per la Festa Nazionale dei Borghi Autentici d’Italia consultabili sul sito www.borghiautenticiditalia.it.

C’è il produttore Renato Marengo, al via progetti di promozione

La visita di Renato Marengo – Foto CDP Service

Visita speciale oggi per i Cantori di Carpino con l’arrivo di Renato Marengo, giornalista, produttore discografico e critico musicale, volto noto della tv e della radio, papà di Davide Marengo, regista del film Craj. Sei ore di approcci e conoscenza sul fenomeno Carpino con la conduzione di Nicola Gentile e un primo step su un progetto di promozione e valorizzazione della tarantella del Gargano e dell’eredità culturale dei maestri Antonio Piccininno, Andrea Sacco e Antonio Maccarone.
“Con Eugenio Bennato e Teresa De Sio– ha commentato Marengo – parliamo spesso di Carpino e dei Cantori -. Un interessante fenomeno culturale che merita sempre più attenzione perché questo materiale di straordinaria bellezza non vada disperso. Parte oggi una nuova sfida con protagonista il Territorio e la sua cultura”.

 

Il Gargano piange la scomparsa del maestro Antonio Piccininno

PiccininnoCento anni di vita e musica popolare per il leader dei Cantori di Carpino

E’ scomparso poche ore fa il maestro Antonio Piccininno, patriarca della musica popolare del Gargano. Colonna portante dei “Cantori di Carpino”, “Zi ‘Nton” era l’ultimo reduce della formazione originale di cui facevano parte i compianti Andrea Sacco e Antonio Maccarone, aveva compiuto a febbraio scorso 100 anni.
Un secolo di vita e di passione per la musica carpinese per la quale ha dato anima e corpo fino all’ultimo respiro. Quel giorno, il 19 febbraio, Carpino lo celebrò con una grande festa a cui aveva preso parte anche l’amico Eugenio Bennato. Nonostante l’età Piccininno ha continuato a suonare e cantare in tutti gli eventi ufficiali, compresa l’ultima edizione del “Carpino Folk Festival”.
Una ballata lunga… cento anni. Fatta di ricordi, personaggi e momenti che hanno caratterizzato l’esperienza di vita di Antonio Piccininno. Il “custode” delle tradizioni garganiche l’ha percorsa parlando di uomini e circostanze che hanno tappezzato il percorso artistico di questo movimento culturale.
Antonio Piccininno è deceduto nel Centro di riabilitazione di Rodi Garganico dove era ospite. Con lui scompare un importante pezzo di storia della cultura della nostra terra e della musica popolare del Gargano.